NiceDie.it

Affronta la tua giornata con una sana risata

Il 19 novembre 1901 viene brevettata la macchina per il caffè espresso

La macchina per il caffè espresso nasce in anni abbastanza recenti, per la precisione il 19 novembre 1901 (119 anni fa), "Tipo gigante con doppio rubinetto". Un nome troppo lungo per un nuovo aggeggio destinato a cambiare le abitudini alimentari di miliardi di persone. Così però, Luigi Bezzera, ribattezzò la sua macchina per il caffè espresso che andava a perfezionare in maniera determinante l’invenzione di Angelo Moriondo del 1884 (136 anni fa), quest’ultima però mai entrata in commercio.

Cinque anni dopo la macchina di Bezzera fu presentata alla prima Fiera Internazionale di Milano.

Le prime versioni di questa macchina non era molto sicure per i baristi: infatti non era possibile controllare la pressione che veniva a crearsi all'interno della macchina per l'estrazione, e questo portava spesso a degli incidenti: dei modelli vennero persino definiti "spacca mandibola". La leva che doveva essere spinta per l'estrazione delle volte tornava istantaneamente in sede (verso l'alto) e a causa della pressione incontrollata arrivava a spaccare la mandibola dei baristi meno esperti o attenti. Caffettiera a colonna spacca mandibola per espresso

Col tempo si susseguirono vari modelli di macchine da espresso, partendo da quelle più rozze e alimentate a carbone arrivando a modelli sempre più perfezionati e sicuri. Con l'aumento della pressione di estrazione (1 atm e mezza), si venne a creare la classica (sublime, magnifica e sensualissima) crema in superficie (solubilizzazione e foaming degli oli presenti nel caffè).

Nel 1949 Gaggia inventa una macchina per espresso che estrae il caffè ad una pressione di 8 atm: il risultato è maggior gusto e più crema; non vi era vapore, ma una pre-infusione. Con una leva si richiamava l'acqua nel pre-infusore, quando poi raggiungeva la pressione di 8 atm e l'acqua era alla temperatura ideale si apriva la valvola.

Nel 1961, infine, fu inventata la macchina ad erogazione continua (che ha il flusso di erogazione costantemente in temperatura), grazie all'associazione di una pompa esterna alla caldaia che permetteva l'acqua sempre calda, definita E61 eclissi solare.

Web Traffic (solo Italia)

Per il momento Oggi121
Ieri1317
Settimana Scorsa8990
Mese Scorso34238
Da Gennaio 2015 (2.0)2063662

Google-PageRank Checker
Powered by CoalaWeb

Log in/Log out